CookEatShare è inoltre disponibile in English
Chiudi

Ricetta Coniglio ischitano in trasferta a tokyo

Clicca per votare
3 voti | 1201 visioni

Tempura di Coniglio ischitano all’agrodolce di Lamponi

la foto è un montaggio fatto alla meglio da me non ne avevo di belle, ma la ricetta mi manda ai matti è eccezionale

Porzioni: 4
Marcatori (Tags):

Ingredienti

  • per la tempura:
  • farina di riso 200 gr
  • fecola di patate 50 gr
  • acqua minerale frizzante freddissima 18 cl
  • per il coniglio:
  • polpa di coniglio di fossa ischitano 320 gr
  • per l’agrodolce:
  • burro salato 30 gr
  • zucchero di canna 3 cucchiai da zuppa rasi
  • lamponi 10 pz
  • aceto di lamponi 5cl
  • acqua 15cl

Istruzioni

  1. per la tempura:
  2. versare in una ciotola l’acqua fredda versarvi sopra la farina di riso e la fecola, miscelare con un mestolo , eventuali grumi vanno trascurati in quanto il procedimento della tempura prevede che sia naturale che essi si formino e che poi si dissolvano durante la cottura
  3. Coniglio:
  4. tagliare la polpa di coniglio in bocconcini da 15 -20gr ciascuno salare e pepare
  5. per l’agrodolce:
  6. in una padella sciogliere il burro, aggiungere i lamponi sfumare con l’aceto e aggiungere lo zucchero di canna, lasciare sciogliere lo zucchero, aggiungere l’acqua amalgamare il tutto e spegnere
  7. finitura e presentazione:
  8. friggere in abbondante olio di semi di arachidi a 170° i bocconcini di coniglio intingendoli prima nella tempura, scolarli e versarli direttamente nella padella con l’agrodolce in caldo, saltare il tutto in modo che l’agrodolce avvolga completamente il coniglio e servire in un piatto di portata con una spolverata di sale vanigliato decorare a piacere con qualche lampone fresco.
Come ti sembra questa ricetta?
Clicca per votare:
x

Link a Ricetta

Aggiungi Ricetta con larghezza di 400px (anteprima)

Aggiungi Ricetta con larghezza di 300px (anteprima)

Commenti

  • anna
    12 Gennaio 2011
    Ma sai che in Giappone il coniglio non si mangia? Penso che tu lo sappia, visto che sei o sei stato in trasferta in Giappone.
    E' considerato un animale domestico.
    Sarebbe come se in Italia si mangiasse il cagnolino o il gattino.
    • GianMaria Le Mura
      18 Aprile 2010
      Carino il nome.

      Lascia una recensione o commento