CookEatShare è inoltre disponibile in English
Chiudi

Ricetta Riso alla pilota a modo mio

Clicca per votare
2 voti | 637 visioni

E pensare che fino a poco tempo fa’ il riso non mi piaceva. D’altronde le origini e le tradizioni culinarie della mia famiglia non ne prevedono un grande utilizzo, da quando abito nel Novarese, circondata dalle risaie mi sono persa nel fantastico mondo del Riso. E le prime volte persa non era solo un modo di dire!
Ero partita con l’idea di preparare la famosa Paniscia Novarese, ma come spesso mi capita, ho cambiato idea all’ultimo minuto optando per un piatto saporito, robusto e particolarmente facile da realizzare. O meglio, così pensavo.
Il riso alla pilota è un piatto tipico del Mantovano e da qualche tempo adottato anche nel Veronese, deve il suo nome agli operai addetti alla pilatura (un processo di raffinazione del riso) chiamati appunto “piloti” (da pila, un grande mortaio in cui il riso veniva lavorato), la tecnica adottata per questa ricetta permetteva agli operai, visto il lavoro incessante, di non seguirne in modo particolare la cottura.
Quindi, mi illudevo fosse perfetto per me. Non fosse che la cottura del riso esige particolari regole come da tradizione…
…non si fa nel brodo, ma nell'acqua bollente salata di volume approssimativamente uguale a quello del riso. Dopo una cottura di 10-12 minuti l’acqua dovrà essere completamente assorbita, lasciando il chicco asciutto e sgranato…
Inoltre, ci sono delle proporzioni da rispettare ed io, in matematica non sono mai stata una cima, durante l’esecuzione della ricetta mi sono munita di calcolatrice…
… 80~100 gr. di riso Vialone nano a testa, salamelle mantovane (*) il 40% del riso, burro il 20% del riso, grana grattugiato il 20% del riso…
Chevvelodicoafà, non sono riuscita a trattenere la mia vivacità culinaria ;) e ho aggiunto e modificato qua e la ingredienti e modus operandi della ricetta originale sopra indicata.
La calcolatrice con i ricordi delle figuracce alla lavagna nei giorni di scuola sono con mia grande gioia tornati nel cassetto! Ormai ho confessato, Giorgia un domani verrà seguita da suo padre per i compiti di matematica…



Tempo Preparazione:
Tempo di cottura:
Porzioni: 2 Porzioni
Marcatori (Tags):

Ingredienti

  • 300 gr di riso Vialone nano o riso Roma
  • 300 gr di salamella mantovana (*)
  • 200 gr di fagioli cannellini già lessati
  • 50 gr di pinoli Noberasco
  • 20 gr di burro
  • 1 foglia di alloro
  • 2 scalogni
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • sale di mulinello
  • pepe di mulinello
  • parmigiano reggiano da grattugiare

Istruzioni

  1. Portare a ebollizione 350 ml di acqua salata in una casseruola dal fondo pesante.
  2. Versare il riso a pioggia, formare una piramide che dovrà emergere di un cm dall’acqua, se ciò non dovesse avvenire togliere poca acqua altrimenti, se emerge troppo aggiungere poca acqua bollente.
  3. Scuotere la casseruola per far scendere il riso, aggiungere l’alloro e cuocere per 10-12 minuti a fuoco vivace, senza mescolare.
  4. Spegnere il fuoco, interporre tra la casseruola ed il coperchio un telo.
  5. Lasciare riposare per 12-15 minuti finché il riso avrà assorbito completamente l’acqua. Eliminare l’alloro.
  6. Rosolare in un tegame (**) la salsiccia sbriciolata senza condimenti, finché risulterà dorata e croccante.
  7. Sgocciolarla con un mestolo forato e tenerla in caldo.
  8. Versare metà del burro nella padella di cottura della salsiccia, rosolare gli scalogni per qualche minuto e sfumarli con il vino senza farli bruciare.
  9. Sgocciolare i fagioli, lavare e tritare il rosmarino e aggiungere nel tegame con gli scalogni.
  10. Regolare di sale e pepe, aggiungere i pinoli tostati in precedenza, la salsiccia, il burro rimasto e per ultimo il riso, lasciare insaporire il tutto per qualche istante mescolando, servire caldo e a piacere una abbondante grattugiata fresca di parmigiano reggiano.
  11. (*) salamella mantovana: grosse salsicce caratterizzate dalla presenza di aglio nell’impasto si possono sostituire utilizzando delle salsicce fresche a grana grossa da aggiungere dopo aver fatto rosolare in padella nel burro due spicchi di aglio schiacciati.
Come ti sembra questa ricetta?
Clicca per votare:
x

Link a Ricetta

Aggiungi Ricetta con larghezza di 400px (anteprima)

Aggiungi Ricetta con larghezza di 300px (anteprima)

Lascia una recensione o commento